Quando la bustarella perde la partita col sesso

Quando la bustarella perde la partita col sesso

Euro ormai fuori moda, il futuro è escort.

Sarà che di soldi ne hanno già fatti a palate, sarà che una serata con una escort non è tracciabile, fatto sta che l’antica bustarella cede il passo al sesso facile.

Si legge, infatti, di escort offerte in cambio di appalti, il che, tradotto in termini economici, vuol dire che le escort sono pari alla valuta più pregiata. Merce di scambio, ma, del resto, se “il corpo è mio e lo gestisco io” non si può neanche obiettare che la corruzione sia sessista. Certo la parità l’avremo quando un’amministratrice accetterà un bel giovanotto in cambio di un appalto o di un incarico o cosa volete voi; e se mi viene risposto che le donne certe cose non le fanno, in base a una presunta superiorità morale, beh, basterà, sorridendo, rispondere che la donna è già ufficialmente la valuta o il contante per il malaffare nelle pubbliche amministrazioni.

Resta da capire se questa nuova valuta sia accumulabile e spendibile ovvero investibile, e mi spiego: se io mollo 5 appalti per una decina di serate con una bella donna, posso accumulare e scambiare il prezzo di vendita? Tipo che un paio le mollo per l’acquisto di un motorino e con un altro paio ci faccio le vacanze?

Magari fruttano anche più interessi, vallo a capire.

Resta da capire se il fenomeno costituisca un’evoluzione o una involuzione. Gli specialisti sono al lavoro e studiano con ardore, quindi basta aspettare solo un pò.

Diciamo che, allo stato, possiamo ufficializzare come nuova moneta, oltre l’euro, la gnocca, spendibile solo in certi ambienti, beninteso, giacchè ancora non siamo arrivati alla escort per stipendio, a meno che con la escort non si possa fare anche il pieno all’auto o la spesa al supermercato.

Bacioni, estensibili.

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *