L’invasione dei barbari.

L’invasione dei barbari.

Visto il livello uniforme della (bassa) qualità dei contendenti, sarebbe sicuramente, probabilisticamente, più opportuno eleggerli per sorteggio, perchè in questo caso pure potrebbe capitarne uno di valore, così, per caso.

Trovo malinconica la conferma delle candidature di Bardi e di Guarente, da parte del centrodestra, a fronte di un quinquennio nel quale la Basilicata e la città di Potenza hanno continuato a sprofondare senza ritegno.

Trovo patetici e irriverenti gli interventi dell’ultima ora, finalizzati a dimostrare efficienza, come il ritorno dell’acqua nella fontana di Montreale.

Infine, la sfilza di comitati elettorali, con annesse inaugurazioni, le riunione per chiedere un voto, le cene per socializzare con le proprie presunte truppe, ci trasferiscono in un medio evo della democrazia, dove la pubblicizzazione di se stessi è pari a quella, ingannevole, dei prodotti di risulta su Instagram.

L’aggressione ai cittadini è ruvida, prepotente, invasiva e mette in risalto l’esistenza di due mondi che si intersecano solo ogni cinque anni, per poi vivere distaccati e indifferenti l’uno all’altro.

L’acquario, perchè tale è, dei politici ha l’acqua torbida per impedire la vista al suo interno. Sappiamo che c’è, ma non distinguiamo i singoli pesci, però non ci frega tanto di non poterli distinguere perchè, come dicono i saggi, sono tutti uguali.

Il gioco di farci votare, è, anche questo, malinconico, per nulla divertente e tossico, può creare dipendenza e nuoce gravemente alla salute, alla libertà e alla dignità.

Visto il livello uniforme della (bassa) qualità dei contendenti, sarebbe sicuramente, probabilisticamente, più opportuno eleggerli per sorteggio, perchè in questo caso pure potrebbe capitarne uno di valore, così, per caso.

Dice ma cosa ti hanno fatto i politici? Beh, considerato che non ho strade, treni o aerei, che la giustizia nella quale mi impegno per professione, è scadente, costosa e lentissima, in una parola ingiusta, che le tasse sono poderose e inversamente proporzionali ai servizi, che l’efficienza della P.A. è fra le peggiori d’Europa, posso serenamente affermare che i politici tendono cocciutamente a rovinarci l’esistenza e, se non ci riescono, questo è dovuto al miracolo della vita che ci fa superare i momenti più brutti per regalarci sempre una nuova emozione, che sia un fiore, un sorriso o una vittoria dell’Atalanta, per dire.

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *