Il mondo al contrario

Il mondo al contrario

E dagli al generale Vannacci, e poi, tutti lì a fare quello che dice, cioè il mondo al contrario.

E dagli al generale Vannacci, e poi, tutti lì a fare quello che dice, cioè il mondo al contrario.

E mi spiego.

La sinistra da mesi ci rompe i maroni col “campo largo”: col campo largo si vince, uniti verso la meta, insieme si batte il centro destra, e menate del genere.

Poi arriva la Basilicata e il campo largo lo fa il centrodestra, cannibalizzando Azione e quell’altro partito di Renzi del quale in questo momento, scusandomi, non ricordo il nome.

E lo fa, il campo largo, con pezzi di centro sinistra.

A parte che pure ci vuole stomaco, rimane la considerazione che tanto sempre e solo di pezzi di potere si tratta. Insomma alla tavola se si sta in quattro si può stare anche in cinque o sei.

Magari, poi, Azione prende più voti di Lega e Forza Italia e pure vorrà almeno il sindaco di Potenza.

Che commedia incredibile.

Ma a noi non cambia niente. Un Guarente vale un altro, chiunque lo scelga, sì, sono arrivato a questa determinazione. Felice di sbagliarmi ma, mannaggione, ho paura di azzeccare.

Nati per caso, si diceva; ora vediamo le future nascite, per caso.

(Meno male che adesso non c’è Nerone.)

(Cioè peccato che adesso non c’è Nerone).

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *