Quando l’opposizione la fa la maggioranza.

Quando l’opposizione la fa la maggioranza.

Maggioranza e opposizione, quando le parti si confondono.

Una maggioranza che si sfiducia da sola è uno spettacolo raro e sempre bello a vedersi.

Accade al Consiglio Comunale di Potenza, che fresca di vittoria alle regionali, la maggioranza di centro destra manifesti contro se stessa facendo saltare un consiglio con tanto di comunicato che, pur non dicendolo apertamente, contesta l’indicazione romana della conferma di Guarente a candidato sindaco della città di Potenza. Io, nel mio piccolo, trovo che la conferma di Guarente sia una mossa sbagliata perchè la città ha sofferto molto in questo quinquennio e non mi sembra sia scattato nessun feeling fra sindaco e cittadini. Ma tant’è, se i partiti hanno deciso di confermarlo avranno le loro -misere- ragioni.

Che una maggioranza diserti il consiglio comunale è, però, magnificamente ridicolo, inopportuno e irridente di ogni regola, scritta o no.

Forse i consiglieri di maggioranza hanno deciso di fare il pieno, cioè di fare anche quella opposizione che il centro sinistra unito non è stato capace neanche di abbozzare. Guarente non piace ai consiglieri comunali di Potenza e a qualcun altro, ma piace a Roma. Beh, si mettessero d’accordo ed evitassero di fare figure brutte brutte, scimmiottando, anche in questo, dopo i sistemi di occupazione familistico delle poltrone, il centro sinistra.

Apprezzabile il posizionamento di Forza Italia (consiglieri esclusi) che ha dichiarato di rispettare in toto le indicazioni romane, invece di aizzare, senza dichiararsi, i poveri, inermi e inconsapevoli consiglieri a tradire il mandato, come avrà fatto qualcun altro. Quanto ai consiglieri che disertano il consiglio: ma sanno cosa hanno fatto? Lo percepiscono bene? Temo di no. Avranno per l’ennesima volta confuso l’istituzione col cortile di casa.

E che vuoi farci, sono ragazzi!

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *