Dissimulazione e politica.

Dissimulazione e politica.

La macchina comunale, come quella regionale e statale, cammina sulle gambe della burocrazia che costituisce il motore dell’ente. A guidare questa macchina sono i dirigenti. Spesso i dirigenti, la politica se li ritrova davanti senza averli scelti, li eredita dal governo precedente. I dirigenti conoscono tutti i segreti, sanno mettere le mani ovunque, regolano la

La macchina comunale, come quella regionale e statale, cammina sulle gambe della burocrazia che costituisce il motore dell’ente.

A guidare questa macchina sono i dirigenti. Spesso i dirigenti, la politica se li ritrova davanti senza averli scelti, li eredita dal governo precedente.

I dirigenti conoscono tutti i segreti, sanno mettere le mani ovunque, regolano la vita dei cittadini, per esempio cambiando la destinazione d’uso di un immobile, aprendo un cantiere, pagando un’opera pubblica. I politici vedono sfilare questa vita reale sotto i loro occhi e in genere senza capirci nulla, facendo solo finta di capire e di poter incidere, senza, di fatto, nè aver capito, nè incidere. Vittime della loro innata voglia di non sapere, o del vizio dell’apprendimento per “sentito dire”, ovvero ancora perchè il titolo di, per esempio, assessore o vice sindaco o sindaco o quello che volete voi, si pretende porti automaticamente anche la scienza.

Questo meccanismo svela anche la effettiva inutilità dell’esercizio di una funzione senza aver studiato per bene.

Ma a vendere, però, sono bravi, tutti laureati con 110 e lode. Tipo: non ti preoccupare, me la vedo io”, quando poi, girato l’angolo si ritrovano a pregare il dirigente di turno che, crudelmente, se li gira e rigira.

Chiacchiere? No, toccato con mano.

Parola di Splenetenetonete.

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *